fbpx

Fondi pensione e previdenza complementare per i giovani

L’aderire a un fondo pensionistico solitamente non è tra i primi pensieri di un giovane, e invece dovrebbe esserlo, per una serie di buoni motivi.
Il termine “pensione” fa inconsciamente pensare che si tratti di qualcosa di lontano, di cui occuparsi più in là negli anni, niente di più errato. Il sistema pensionistico italiano negli ultimi decenni ha subito numerosi riesami, il più importante dei quali riguarda il progressivo passaggio dal calcolo retributivo dell’assegno pensionistico al calcolo contributivo, ovvero che la pensione non viene più determinata sulla base dell’ultima retribuzione percepita, ma sulla base dei contributi versati nel corso della vita lavorativa.

Se a questo aggiungiamo carriere sempre più frammentate, a causa delle crisi economiche che si sono susseguite a partire dal 2008, la precarietà del lavoro e l’attuale pandemia in corso, appare subito chiaro che i giovani che saranno i pensionati di domani non potranno fare affidamento sul solo assegno pensionistico pubblico.

Questo è il primo motivo per cui i giovani, o i loro genitori se si parla di giovanissimi, dovrebbero appoggiarsi a un fondo pensione in modo da avere una pensione integrativa nel momento in cui si ritireranno dal mercato lavorativo.

Scopriremo insieme quanti e quali sono i vantaggi della previdenza complementare per i più giovani e perché questa importante scelta andrebbe fatta il prima possibile.

Vantaggi della previdenza complementare per i giovani

– I giovani neoassunti possono decidere fin da subito di destinare il loro TFR a un fondo pensione. In sostanza il lavoratore può decidere se tenere in azienda il proprio TFR o di aderire a un fondo pensione senza sostenere un esborso e semplicemente destinando ad esso il proprio TFR.
– Lo Stato italiano attua ai fondi pensione un trattamento fiscale di favore, i cui benefici sono riscontrabili fin da quando si sceglie la previdenza complementare, infatti è possibile dedurre dal reddito IRPEF i contributi versati ogni anno nel fondo, con un tetto massimo annuale pari a 5.164,57 euro. Inoltre i rendimenti maturati nel corso della gestione dei versamenti subiscono un prelievo fiscale tramite imposta sostitutiva pari al 12,5% sui rendimenti da Titoli di Stato e al 20% sui rendimenti da altri impieghi. In fine, le prestazioni finali per i lavoratori del settore privato vengono tassate con un’aliquota del 15% che si riduce dello 0,30% all’anno per ogni anno di permanenza nel fondo pensione oltre il quindicesimo, fino a un’aliquota minima del 9%.
Precisiamo che se il denaro sul fondo pensione riguarda i figli ancora a carico le deduzioni fiscali spettano ai genitori.

– La possibilità di optare nei primi anni per comparti di investimento con un più elevato livello di rischio e di conseguenza alti rendimenti, e in seguito di ridurre rischio e rendimenti man mano che ci si avvicina al momento del pensionamento. Ciò significa che prima si inizia più gli importi versati nel fondo renderanno garantendo un assegno pensionistico integrativo più sostanzioso.
– I fondi pensione rappresentano una sezione a parte all’interno del patrimonio complessivo del gestore del fondo, e quindi in caso del suo
fallimento l’ammonto accumulato è tutelato e non viene coinvolto nelle vicende creditizie. Passando al firmatario, gli importi accumulati nei fondi pensione non possono essere pignorati o sequestrati da parte di eventuali creditori dello stesso.
– La COVIP, la vigilanza sulla gestione di IVASS, Banca d’Italia formano una fitta rete di protezione dei sottoscrittori e dei loro risparmi attraverso articolati sistemi di controllo.
– Chi aderisce a un fondo pensione ha anche diritto a richiedere gli importi versati in anticipo in determinate situazioni, come ad esempio il 75% dell’accumolo per spese sanitarie o per l’acquisto/ristrutturazione della prima casa e sino al 30% per altre esigenze. Oppure il riscatto del 50% o del 100% in caso di perdita del lavoro o per via di un’invalidità permanente

Vantaggi del Fondo UnipolSai

UnipolSai Assicurazioni ti offre soluzioni specifiche per la previdenza complementare.
Puoi aderire al Fondo Pensione scegliendo la somma iniziale e l’importo dei versamenti in base alle tue esigenze, in seguito, puoi decidere di aumentare, diminuire o sospendere l’importo da versare. In funzione della tua età viene automaticamente attribuita una combinazione prefissata tra Fondo Interno e Gestione Separata. Hai la possibilità di aumentare o diminuire gli importi dei versamenti oppure di effettuarne di aggiuntivi. Puoi contribuire versando anche il trattamento di fine rapporto, nei casi previsti dalla Legge. Puoi dedurre fiscalmente dal tuo reddito gli importi versati, nei limiti consentiti dalla normativa vigente. Integra la tua pensione con i nostri Piani Individuali Pensionistici e i nostri fondi pensione per assicurare tranquillità e solidità al tuo futuro.



UnipolSai