fbpx

Gli pneumatici del futuro: più sicuri e più informati

Da alcuni anni le istituzioni europee stanno lavorando alla mobilità sostenibile, con misure pensate a diminuire le emissioni inquinanti. Allo stesso tempo è stato posto l’accento sulla sicurezza stradale, con la necessità da parte dei produttori di gomme di offrire standard più elevati e una maggiore trasparenza per aiutare il consumatore a scegliere consapevolmente le gomme più adatte, ma soprattutto più sostenibili. Già perché non tutti sanno che i pneumatici incidono fortemente sui consumi di un veicolo.
Per questo motivo dal 1 di maggio sono state introdotte le nuove etichette per le gomme, obbligando le aziende a fornire dati precisi su:

  • aderenza sul bagnato;
  • risparmio di carburante;
  • rumorosità;
  • resistenza al rotolamento.

In una seconda fase verranno integrate ulteriori indicazioni, per offrire un quadro completo delle performance dello pneumatico ai consumatori. Tra i dati che verranno implementati ci saranno il chilometraggio stimato, l’abrasione e l’aderenza su ghiaccio e neve. Inoltre, il nuovo regolamento UE prevede l’identificazione degli pneumatici rigenerati: gomme autostradali in cui la mescola è realizzata usando una determinata quantità di materiale di recupero, proveniente dal riciclo di vecchi pneumatici ad esempio per la ricostruzione del battistrada.

Come funzioneranno le nuove etichette per gli pneumatici

Tutti i pneumatici per autoveicoli, trasporto leggero e pesante devono quindi essere accompagnati da questa nuova etichetta adesiva direttamente applicata sul battistrada del pneumatico o devono averne una copia nelle loro immediate vicinanze. Una scheda informativa del prodotto deve essere anche disponibile, su richiesta.
Inoltre, ogni etichetta sarà dotata di un QR Code, un sistema con il quale la certificazione potrà essere scansionata con il proprio smartphone, per visualizzare tutti i dati della gomma direttamente sul telefono tramite apposite applicazioni. Questa è una delle novità che piacerà di più ai consumatori tecnologici o meticolosi, visto che consentirà l’accesso al database europeo dei prodotti denominato “European Product Registry for Energy Labelling” (EPREL).

Tutto per ottenere ancor più ampie informazioni sui prodotti acquistati! Infatti, la nuova etichetta energetica introdurrà un pittogramma per neve e/o ghiaccio che sarà posto accanto a quello della rumorosità. L’aggiunta del simbolo per le gomme invernali permetterà di sapere se le gomme sono adatte a neve e ghiaccio. Ci saranno anche dei valori riportati in etichetta che corrispondono ai risultati minimi ottenuti dai test. Test che vengono effettuati da società indipendenti da quelle produttrici.
Cambia inoltre la classificazione della resistenza al rotolamento e frenata su bagnato: questa sarà su cinque lettere (dalla A alla E) e non più sette. Le norme UE si applicheranno a tutti gli pneumatici in vendita all’interno dell’Unione Europea, nella fattispecie alle gomme per autovetture e a quelle destinate ai veicoli pesanti, in particolare ai mezzi che montano pneumatici classificati all’interno della categoria C3.

Le differenze tra la nuova e l’attuale etichetta degli pneumatici

L’etichetta degli pneumatici 2021 non è una novità assoluta, infatti l’UE aveva già introdotto una carta d’identità delle gomme piuttosto completa. L’attuale certificazione comprende diverse informazioni importanti, come la rumorosità espressa in dB, l’aderenza sul bagnato e l’efficienza nei consumi. La nuova etichetta degli pneumatici sarà perciò una versione rinnovata e aggiornata, un perfezionamento rispetto a quella in vigore dal 2012.

Lo sapevi che…

Acquistare un nuovo set di pneumatici può avere una forte incidenza sui consumi: la sola resistenza al rotolamento dei pneumatici rappresenta il 20-30% del consumo di carburante di un veicolo: passando da una gomma con resistenza al rotolamento “C” a una con lettera “A” si possono risparmiare circa 110 litri di benzina in 40.000 km.
Una piccola alterazione anche per le prestazioni di aderenza sul bagnato, un’informazione che verrà indicata con una scala dalla lettera A alla E, la quale a confronto con quella attuale sarà quindi più corta. Nessun cambiamento per la rumorosità, la quale sarà mostrata sempre in basso, espressa in dB con 3 lineette all’interno dell’immagine stilizzata.
Inoltre, come detto in precedenza, sarà introdotto il QR Code, mentre in un secondo momento verranno aggiunti altri dati sull’usura durante la guida, il chilometraggio stimato e l’adeguamento anche dei pneumatici rigenerati.
La precedente etichettatura continuerà ad essere valida per quelli prodotti e commercializzati prima di maggio 2021. Per questi pneumatici si procederà comunque, entro il 30 novembre 2021, all’aggiornamento delle informazioni riportate nella scheda informativa.

Non basta solo scegliere le gomme migliori per viaggiare sicuri, sottoscrivere un’adeguata polizza assicurativa può fare la differenza!
UnipolSai Km&Servizi è l’assicurazione auto che garantisce convenienza, completezza, assistenza continua e la sicurezza delle tecnologie satellitari!
Con Unibox paghi in base a quanto guidi, per le tue emergenze hai una centrale operativa 24h su 24 e se scarichi l’app puoi chiamare e seguire l’arrivo del carro attrezzi!



UnipolSai