fbpx

Vivere fino a 130 anni? Entro la fine del secolo sarà possibile

Nella storia dell’umanità la persona arrivata più avanti con gli anni è stata la signora francese Jeanne Calment, mancata nel 1997 a 122 anni.

Un record insuperabile? Ma no! Una ricerca dell’Università di Washington, pubblicata su Demographic Research, garantisce che entro la fine del XXI secolo sarà in circolazione qualcuno che potrebbe supererare persino i 130 anni.

Sempre più ultracentenari

D’altra parte gli over 100 da decenni sono sempre di più, per lo meno nei Paesi benestanti del mondo, quelli che danno accesso alla sanità e alle condizioni di vita migliori. Oggi la persona più anziana del pianeta è la giapponese Kane Tanaka, 118 anni. E in Italia? Secondo l’Istat i centenari erano, l’1 gennaio 2020, 14.804, quasi 400 in più rispetto alla stessa data dell’anno precedente.

Un brindisi nel 2100

Per frenare l’entusiasmo di chi pensa che potrà fare il pensionato per 60 anni, gli studiosi statunitensi, esperti di Statistica e Sociologia, chiariscono un aspetto: non dicono che il giro di boa del secolo di vita nel 2100 sarà alla portata di tutti. Sostengono però che, di sicuro, almeno una persona sulla Terra avrà tra 125 e 132 anni entro la fine del secolo e festeggerà il Capodanno del 2101. Sarà qualcuno nato intorno al 1970 e potrà avere, salvo catastrofi planetarie, tanti altri centenari al suo fianco per fare il brindisi.

Lo studio ha fatto ricorso a modelli statistici per prevedere la durata della vita umana. Sono stati calcolati i rischi che si potrebbero incontrare e anche le chance offerte da nuove scoperte in campo scientifico, capaci di dare una mano a spegnere con più facilità più di cento candeline.

Di certo, questa prospettiva avrà grandi conseguenze sulla società, sul suo assetto, sugli stili di vita, sulle spese destinate agli anziani e sul sistema assicurativo e previdenziale. Per non parlare del fatto che le persone con l’età dei nonni di oggi saranno considerati ragazzini, visto che i loro nipoti avranno a che fare abitualmente anche con bisnonni e trisnonni. È il caso di dire che chi vivrà, vedrà.

UnipolSai Autonomia è l’assicurazione Long Term Care (LTC) che ti garantisce un sostegno economico in caso di perdita dell’autosufficienza. Tutela il tuo futuro e assicura ai tuoi cari un supporto concreto per affrontare le difficoltà dell’età avanzata. 

Per sostenere il tuo futuro in caso di non autosufficienza con la sicurezza di una rendita mensile.

Per chi desidera tutelarsi sollevando i propri familiari da eventuali spese future a seguito di un evento che provochi la propria non autosufficienza, la polizza LTC UnipolSai Autonomia Costante garantisce una rendita mensile vitalizia. Pensato per i giovani che ragionano a lungo termine, per i genitori che desiderano proteggere il proprio futuro e quello dei propri cari, per chi non ha il sostegno di un nucleo familiare. Aggiungi più serenità al tuo domani.

Non tutti hanno la fortuna di poter contare su di un nucleo familiare solido e con la capacità economica di far fronte  alle necessità legate ad una situazione di non autosufficienza a seguito di una malattia, un infortunio o per le difficoltà dell’età avanzata.

L’assicurazione di rendita vitalizia di UnipolSai Autonomia Costante rappresenta un’importante tutela in queste gravi situazioni integrando le prestazioni pubbliche con un sostegno concreto.



UnipolSai